by TGCOM24

Verza ripiena

Verza ripiena
  • Difficoltà: media
  • Cottura: 60'
  • Preparazione: 60'

Ingredienti:

  • * per 4 persone *
  • 1 verza di circa un kg
  • 300 g di carne tritata di vitello
  • 100 g di prosciutto cotto
  • 1 uovo medio
  • 20 g di parmigiano grattugiato
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • 1 ciuffo di prezzemolo fresco
  • sale q.b.
  • per condire:
  • 40 g di burro
  • parmigiano grattugiato q.b.

La verza ripiena è un secondo piatto gustoso e scenografico preparato con il cavolo verza farcito con carne, uova e prosciutto cotto. La verza ripiena è un secondo completo ma anche un piatto unico che viene condito, perciò, solo con un velo di burro fuso e una spolverizzata di parmigiano grattugiato. Se avete qualche fogliolina di salvia fresca potete aggiungerla al burro fuso, renderà la verza delicata e profumata!

Procedimento

Pulite la verza: eliminate le foglie esterne più dure, lavatela e cuocetela in acqua bollente per 10 minuti. Lasciatela scolare a testa in giù in un colapasta.

Fig. 1

Preparate il ripieno: raccogliete in una terrina la carne e il prosciutto tritati, il sale, il parmigiano, il prezzemolo, l’uovo e l’olio. Amalgamate il tutto fino a ottenere un composto omogeneo.

Fig. 2

Allargate delicatamente verso l’esterno le foglie di verza, fino a raggiungerne il cuore. Farcite ogni strato

Fig. 3

distribuendo poco ripieno per volta e schiacciandolo leggermente con le dita. Una volta raggiunte le foglie esterne, richiudete la verza su sé stessa e avvolgetela in un panno bianco.

Fig. 4

Chiudetela con lo spago da cucina e cuocetela con il coperchio in acqua bollente salata per 60 minuti. Trascorso questo tempo, scolatela ed eliminate il panno. Tagliatela in 8 parti e disponetela su un piatto da portata.

Fig. 5

Condite la verza ripiena con il burro fuso e una spolverizzata di parmigiano grattugiato. Servite subito.

Di Eleonora Tiso aka Paciulina
Pubblicata il 17/01/2015

Commenti

Nessun commento

Invia il tuo commento

Per poter inserire un commento/articolo
o segnalare alla redazione un abuso
devi essere registrato

Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI