by TGCOM24

Tarallini al mosto cotto

Tarallini al mosto cotto
  • Difficoltà: media
  • Cottura: 10'
  • Preparazione: 120'

Ingredienti:

  • * 8 persone *
  • 500 g di farina tipo 0
  • 5 litri di mosto d'uva

I tarallini al mosto cotto sono dei dolcetti d'altri tempi, sempre più rari nei negozi alimentari e ancor meno nelle case delle famiglie del Sud Italia. Ottenuti dal solo impasto di farina e mosto d'uva cotto, questi tarallini non hanno una ricetta unica e assoluta, ma vengono preparati in base alla guida e al patrimonio lasciato da bisnonne, nonne e mamme. Se, una volta raffreddati i tarallini al mosto dovessero risultare un po' duri, niente paura: vi basterà riscaldarli per qualche minuto insieme a qualche cucchiaio di mosto!

Procedimento

Fate bollire il mosto in una pentola dai bordi alti, fino a quando non si sarà ridotto a circa 2/3 della quantità iniziale. Nel frattempo, disponete la farina a fontana su un piano di lavoro, amalgamatela con il mosto molto caldo ma non bollente fino ad ottenere un impasto dalla consistenza morbida ma soda.

Fig. 1

Ricavate dal panetto i pezzi che lavorerete con il palmo della mano, fino ad ottenere dei cilindri sottili.

Fig. 2

Richiudeteli su se stessi e formate dei tarallini del diametro di 1,5 cm o altre forme cilindriche. Copriteli con un panno asciutto durante la lavorazione e cuoceteli quando il mosto avrà raggiunto i 2/3 della pentola.

Fig. 3

Portate a ebollizione e cuocete per 15 minuti. Scolateli e aggiungete qualche cucchiaio di mosto.

Fig. 4

Conservateli, per qualche giorno coperti dal mosto cotto, in un contenitore di vetro con il coperchio.

Di Eleonora Tiso
Pubblicata il 07/10/2015

TAG RICETTA:

Lo sapevate che...

In alcune zone i tarallini al mosto cotto, tipici ovviamente della stagione autunnale, vengono chiamati con il curioso nome di "malati".

Ricette correlate

Commenti

Nessun commento

Invia il tuo commento

Per poter inserire un commento/articolo
o segnalare alla redazione un abuso
devi essere registrato

Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI