by TGCOM24

Pasta al forno alla doppia mozzarella

Pasta al forno alla doppia mozzarella
  • Difficoltà: facile
  • Cottura: 45'
  • Preparazione: 15'

Ingredienti:

  • * 6 persone *
  • 500 g di pasta corta
  • ragù di carne q.b.
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 200 g di mozzarella fior di latte
  • 200 g di mozzarella di bufala
  • 3 uova medie
  • 1 cucchiaio di latte

La pasta al forno alla doppia mozzarella è un primo piatto gustoso e sostanzioso, realizzato mescolando la pasta con il ragù, la mozzarella fior di latte e quella di bufala. Irresistibile con il suo cuore filante, la pasta al forno alla doppia mozzarella è un classico che non stanca mai e fa contenti tutti! Potete utilizzare i latticini che preferite, ma ricordate di scolare la pasta al dente affinché possa proseguire la sua cottura in forno!

Procedimento

Preparate il ragù alla bolognese come descritto qui. Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela molto al dente e conditela con un mestolo di ragù in una ciotola capiente. Unite la mozzarella fior di latte sgocciolata e tagliata a pezzetti, il parmigiano e mescolate bene.

Fig. 1

Cospargete il fondo di una teglia da forno del diametro di 22 o 24 cm con un mestolo di ragù. Versatevi metà della pasta, ricoprite con uno strato di mozzarella di bufala a fette e uno di ragù. Cospargete di parmigiano e ricoprite con la restante pasta.

Fig. 2

Infornate la pasta al forno a 200° per circa 20 minuti o fino a quando non si sarà formata la crosticina dorata in superficie. Lasciate intiepidire e servite.

Di Eleonora Tiso aka Paciulina
Pubblicata il 26/04/2013

Lo sapevate che...

La pasta al forno realizzata in formine monoporzione è bella oltre che buona, scenografica e pratica per tutti i commensali! Potete utilizzare stampini di alluminio e sformare i timballini di pasta direttamente nel piatto o servirla direttamente nei pirottini di ceramica.

Ricette correlate

Commenti

Nessun commento

Invia il tuo commento

Per poter inserire un commento/articolo
o segnalare alla redazione un abuso
devi essere registrato

Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI