by TGCOM24

Come pulire i funghi

Quanti tipi di funghi?

Lo sapevate che le varietà di funghi esistenti in tutto il mondo sono tantissime ma che, di queste, solo una piccola parte è commestibile? Questa informazione è ben nota soprattutto a chi si diverte a cercare e a riconoscere i funghi non velenosi nei boschi. Fortunamente, la maggior parte di noi può acquistare i propri funghi preferiti direttamente al supermercato o dal fruttivendolo e cucinarli in tanti modi diversi. Cardoncelli, chiodini, gallinacci, porcini, pleurotus e champignon sono solo alcuni dei funghi più utilizzati, mangiati crudi o cotti, al forno o trifolati, come prezioso ingrediente di ripieni succulenti!

Come pulire i funghi?

In questo articolo, perciò, vorrei prima di tutto spiegarvi come pulire i funghi champignon (detti anche prataioli) e ifunghi porcini, tanto delicati e costosi quanto irresistibili! Queste due varietà sono fra le più diffuse e richiedono un po’ più di attenzione nella pulizia prima della cottura. Per pulire i funghi champignon dovrete privarli, con un coltellino, della parte finale sporca del gambo e della pellicola che riveste la testa.

Per pulire i funghi porcini eliminate la terra dal gambo con un coltellino, poi raschiate via tutti i residui di sporco con un pelapatate. L’unica accortezza che dovrete avere sarà quella di pulire bene i funghi e assicurarvi che al loro interno non vi siano “ospiti indesiderati”! Per controllare, vi basterà vedere se alla base del gambo e anche all’interno ci sono buchetti sospetti. Se dovessero esserci dei parassiti, inoltre, la consistenza del fungo non sarà liscia e omogenea, ma risulterà spugnosa e gommosa. Ricordate che i funghi porcini, una volta tagliati, restano sempre bianchi e non anneriscono!

Fatto questo, la regola generale è che è i funghi non si lavano in acqua o, quantomeno, non devono essere messi in ammollo! La loro consistenza e il loro colore potrebbero, infatti, essere compromessi se assorbissero dell’acqua. Meglio pulire i funghi spazzolando le teste e i gambi con un panno umido. Se dovessero essere troppo sporchi, però, potrete sciacquarli velocemente e asciugarli subito.