by TGCOM24

Come pulire i cardi

Da quando ho memoria, ogni anno, a partire dal mese di novembre in casa mia si prepara la meravigliosa, speciale, buonissima, irresistibile minestra di cardi con le polpettine! Nel giorno di Natale è immancabile, ma comincia a essere presente in tavola già dal mese di novembre e per tutto l’inverno. Quello che, fino a qualche tempo fa, non mi ero mai chiesta è: so come pulire i cardi? Quegli enormi, altissimi, ingombranti cardi! Mmmh…avevo le idee un po’ confuse. Qualche giorno fa, però, ho fatto un veloce ripasso (tutto fotografato come sempre) per condividere con voi il modo giusto per pulire i cardi. Come sapete, il cardo è un ortaggio invernale che appartiene alla famiglia dei carciofi (la sua forma, però ricorda quella del sedano). Il cardo ha una consistenza dura e filamentosa e, una volta pulito, è tenero e saporito, pronto per essere utilizzato in tante ricette!

Ecco quindi un piccolo foto tutorial su come pulire i cardi (raccolti direttamente dal mio orto)

Lavorate con i guanti e tenete pronta una ciotola capiente in cui verserete dell’acqua acidulata con il succo di limone per evitare che i cardi puliti anneriscano. Tagliate via con un coltello la base finale del gambo e le foglie esterne più dure. Tenete da parte quindi le coste interne più tenere, eliminate la parte con le foglie e

raschiate via dal resto della costa la parte laterale più scura e rovinata. Tagliate ogni costa di cardo a metà nel senso della lunghezza. Spezzate ogni parte a metà e, tenendo ferma una delle due parti, tirate l’altra per strappare via i filamenti.

Eseguite questa operazione sia da un lato che dall’altro, fino a quando non noterete più filamenti duri e spessi. Tagliate il cardo così pulito in bastoncini o cubetti (dipende da come dovrete cucinarli) e tuffateli nell’acqua acidulata.

Lessate i cardi in acqua bollente per qualche minuto, se dovete congelarli. Se dovete utilizzarli subito, invece, avranno bisogno di una bollitura molto più lunga affinché siano teneri!