by TGCOM24

Come congelare frutta e verdura

Congelare frutta e verdura senza rischiare di compromettere la qualità e i valori nutrizionali è possibile, ma con qualche piccolo accorgimento di conservazione!

Tutte le verdure dovrebbero essere scottate per qualche minuto prima di essere congelate per ritardare l’attività degli enzimi che ne riduce il valore nutritivo e le rende meno gustose. Tuttavia, per alcuni ortaggi come le carote, i pomodorini, i fagioli freschi, i piselli o le pannocchie di granoturco fresche questa pratica non è necessaria. Anche i cavolini di Bruxelles e i carciofi, per esempio, si conservano bene senza scottarli negli appositi contenitori di plastica alimentare. Bietole, erbette, verze, cavoli e spinaci invece vanno puliti accuratamente, lavati, scottati in acqua bollente e congelati in sacchetti di plastica quando totalmente freddi.

Durata massima di conservazione

Verdure – 12 mesi

Per la frutta, scartate tutta quella che presenta qualche ammaccatura, quella troppo acerba e quella troppo matura. Tutti i tipi di frutta vanno lavati e asciugati perfettamente prima di conservarli. Fragole, mirtilli, lamponi e ribes si possono congelare dopo averli passati nello zucchero semolato ridotto in polvere. La frutta più grossa, invece, eccezion fatta per banane e pere, deve essere privata del nocciolo (pesche, albicocche, prugne) o del torsolo (mele), tagliata in pezzi grossi e congelata in sacchetti o in contenitori ermetici. Gli agrumi come arance, mandarini e limoni si conservano discretamente in freezer ma vanno sbucciati e tagliati in pezzi. Come il melone e l’anguria, tuttavia, contengono molta acqua che perderebbero in fase di scongelamento. Vi consiglio, in alternativa, di congelare il loro succo.

Durata massima di conservazione

Frutta conservata nello zucchero – 12 mesi Frutta senza zucchero e passati di frutta – 6 mesi